Tomba di Dante, Piazza San Francesco

05 settembre 2020 | ore 20:30

ore 20,30 presso la Tomba di Dante Alighieri

Ensemble vocale Voces Suaves
Christina Boner soprano
Jan Thomer controtenore
Paolo Borgonovo tenore
Dan Dunkelblum tenore
Tobias Wicky baritono
Davide Benetti basso

a introdurre l’inaugurazione del monumento restaurato
Luzzasco Luzzaschi (1577 ca.-1637)
Quivi sospiri
dal Secondo Libro dei madrigali a cinque voci, 1576
(Inferno, Canto III, vv. 22-27)

al termine della cerimonia
Joanne Metcalf (1958)
Io sono amore angelico
da Il nome del bel fior, 1998
(Paradiso, Canto XXIII, vv. 103-111)

ore 21 Piazza San Francesco
Franz Liszt (1811-1886)
Après une lecture de Dante. Fantasia quasi Sonata, 1849
pianoforte Yulianna Avdeeva

Gaetano Donizetti (1797-1848)
Il conte Ugolino per baritono e pianoforte, 1826
(Inferno, Canto XXXIII)
baritono Luca Micheletti
pianoforte Davide Cavalli

Elio Germano legge il Canto XXXIII del Paradiso

 

Le celebrazioni nazionali del settecentesimo anniversario della morte di Dante Alighieri si aprono a Ravenna, alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, con un gesto profondamente significativo per la città che ospita le spoglie del Poeta: la riapertura della tomba, e del vicino quadrarco di Braccioforte, al termine di un restauro che ha restituito l’armonioso nitore originario al sepolcro progettato a fine Settecento dall’architetto Camillo Morigia. Il solenne evento è suggellato da un momento musicale e artistico, a cura di Fondazione Ravenna Manifestazioni. Dopo tutto il rapporto che lega Dante alla musica è strettissimo, non solo per gli innumerevoli riferimenti che popolano la Commedia e testimoniano quanto Dante fosse un colto osservatore dei fermenti musicali del proprio tempo, ma anche per l’intrinseca musicalità dei suoi versi, capaci di affascinare e ispirare musicisti di ogni epoca.

Commento audio di Guido Barbieri

Il programma